Ciao, mi chiamo Maria e sono un architetto.
Amo l'architettura, il design, l'arredamento, ma più di tutto amo l'anima di una casa. Quella che si nasconde negli oggetti trovati per strada e rinnovati o scovati in una vecchia e polverosa cantina e fatti rivivere. O in quegli oggetti creati dal nulla con le proprie mani , come una calda coperta di lana o un morbido cuscino. Gli oggetti , i disegni e le foto che trovi in questo blog sono realizzati da me. Se vuoi utilizzarle o vuoi informazioni puoi mandarmi una mail a larchitettoinsalopette@gmail.com. Sarò felice di rispondere.

mercoledì 16 dicembre 2015

E luce fu!

In questo progetto ho riunito alcune delle mie passioni: il riuso e l'uncinetto.
E il risultato mi piace davvero tanto.
Ora devo trovargli solo la giusta collocazione.
Mumble mumble......






le foto e i progetti sono opera di Maria di l'architetto in salopette

lunedì 14 dicembre 2015

Un albero "sciuè sciuè"

Il trasloco ormai è avvenuto ben sei mesi fa ma ancora oggi non trovo delle cose. Ad esempio non riesco a trovare l'adattatore dell'aspirapolvere o la griglia . E poi gli addobbi di Natale. E pensare che quando li ho portati,  li ho messi da parte dicendomi che così li avrei  trovati subito all'occorrenza!
Purtroppo così non è stato, ne ho trovati solo una parte piccolissima: i giocattoli di legno!
Le luci e le palline rosse le ho cercate ovunque, ma niente, non le ho trovate.
Non volevo però rinunciare ad avere l'albero nella nuova casa. 
Così , complici delle  forbici e  del nastro rosso ho realizzato un albero sciuè sciuè. 
Ma solo per quest'anno!




venerdì 30 ottobre 2015

Indovina che cos'è?

E'  di vetro, trasparente e sembra una ciotola. Che cos'è?



foto realizzate da Maria di l'architetto in salopette

L'oblò della lavatrice!
Viva il riciclo!





mercoledì 23 settembre 2015

Il cuscino romantico

Mi sono fatta rapire da questa stoffa con cuoricini con la quale ho deciso di realizzare dei cuscini per la camera da letto. Voglio realizzarne una marea come  quelli che si vedono nelle camere da letto americane , super imbottiti e a più strati che rendono il letto adatto al 'tuffo' per testarne la morbidezza.
Vi comincio a mostrare il primo
Foto di Maria di l'architetto in salopette

lunedì 21 settembre 2015

Poltrona in jeans

E' passato un po' di tempo da quando avevo  cominciato a lavorare a questa poltrona. 
Presa da altri impegni, l'avevo messa da parte!
Ora finalmente è arrivato il suo momento....pitturata di bianco e tappezzata col jeans devo dire che è una favola!




mercoledì 2 settembre 2015

Testiera nuova

Quest'estate è stata molto proficua. 
Ho realizzato molto oggetti per la nuova casa.
Vi mostro il primo: la mia nuova testiera del letto  con le foto su come è stata realizzata.
Ho utilizzato una vecchia testiera di legno che non mi piaceva,  segnato i punti in cui posizionare i bottoni imbottiti, quindi sono stati fatti i fori e messa l'imbottitura fermata nella parte retrostante con una pistola sparapunti.
I bottoni sono stati fatti utilizzando l'imbottitura e lo stesso tessuto.
Ho posizionato il tessuto e quindi messo i bottoni fermati nella parte retrostante con altra imbottitura.
Quindi il tessuto è stato fermato  con lo stesso sparapunti.
Prima però ho messo dei nuovi piedi in legno, fissati con una piastra e un collante.
Devo dire che sono molto soddisfatta del risultato, non sembra quasi un lavoro fai da te!

.


foto e testi di Maria di L'architetto in salopette

giovedì 23 luglio 2015

Bianco candido!

La Bliss è soprattutto bianca. Con note di colori accesi!
E allora ciò che deve entrare in casa deve essere riadattato.
Così è stato per questo anonimo settimino marrone. Tanto brutto che non gli ho fatto neanche una foto completa.
Ora è il settimino dei calzini in camera da letto, così si spera che l'uomo di casa li trovi più facilmente!
I calzini , ovvio!
foto e disegni di Maria, l'architetto in salopette

giovedì 9 luglio 2015

Cuisine!

Con l'acquisto del primo elemento voluttuario per la casa posso finalmente dire che il più è fatto!
Mancano alcune porte, i battiscopa, alcuni pensili in cucina, il piano in marmo del bancone cucina,il giardino ha una voragine e....
Ammetto che l'elenco è ancora lungo ma la sensazione di comprare un oggetto "superfluo" ma necessario invece del solito cemento, silicone, viti mi ha dato la sensazione che finalmente la casa è abitabile! 

                                             foto di maria di l'architetto in salopette

martedì 24 febbraio 2015

Una scatola di cioccolata

La dieta si comincia a far sentire.....ho realizzato una scatola di cioccolata con la carta da parati!
Era la prima volta che la mettevo e, anche se poteva venire meglio, tutto sommato sono soddisfatta.
Non vedo l'ora di vederla finita "la mia scatola".
Curiosi di sapere che vano sarà?


foto realizzata da maria di L'architetto in salopette


lunedì 9 febbraio 2015

Il bianco prende forma

E dopo una settimana di lavoro al soffitto, anche se non è ancora finito, si comincia a intravedere il risultato.....
Foto realizzate da maria di l'architetto in salopette

martedì 3 febbraio 2015

Recuperare il soffitto in legno

I lavori alla Bliss fervono. 
Purtroppo non ho completato il progetto del bagno di cui vi avevo parlato, ma non sono stata ferma nonostante il freddo e la pioggia.
Un altro progetto a cui mi sto dedicando è il recupero  del soffitto in legno.
Si tratta di un  solaio  realizzato con panconcelli di castagno e travi in ferro.
Le travi sono state spazzolate e verniciate con convertitore di ruggine mentre i panconcelli  (con molta pazienza) sono stati lavati ed è stata eliminata la malta in eccesso che è colata dagli interstizi.
Devo ammettere che questo lavoro non è per niente divertente, anzi è abbastanza faticoso ma ciò che mi da la spinta è  il desiderio di vedere il risultato finito.
Il passo successivo sarà la pitturazione delle travi , la stuccatura delle fessure tra i panconcelli e la finitura del legno.

le foto sono realizzate da Maria, di l'architetto in salopette

martedì 27 gennaio 2015

...e rimetto la salopette!

Chi mi conosce, sa che non mi piace stare con le mani in mano.
Come avete potuto già vedere mi piace cucire, lavorare all'uncinetto, restaurare mobili, fotografare. 
Insomma la salopette da lavoro è d'obbligo!
Al momento sono impegnata con la ristrutturazione della Bliss, la nostra casetta.
Ed è proprio questo che voglio mostrarvi a partire da oggi e con scansione settimanale.
I lavori sono in corso, per cui vi mostrerò il prima, il progetto finale e i vari lavori di realizzazione e recupero di arredi e  complementi per arrivare al lavoro finito.
Voglio cominciare con il bagno di servizio.
Il prima.... lasciava un po' a desiderare, per cui abbiamo deciso de rifarlo completamente spostando, quindi , anche i servizi igienici in maniera più funzionale.
l'idea finale prevede il recupero di mobiletti che già abbiamo, un mobile   lavatoio e un mobile basso con cassetto e due antine, entrambi bianchi, e la realizzazione di un piano di appoggio per il lavabo che inglobi la lavatrice e il mobile basso.
Il piano di appoggio lo realizzerò usando dei piani di recupero (anche qui!) e  incollando un mosaico.
Allora al lavoro:  la prossima settimana  spero di potervi già mostrare il piano realizzato.
 Incrocio le dita!





domenica 18 gennaio 2015

Ricomincio dall'architetto

Ho sempre voluto fare l'architetto.
Da quando, da piccola, per mio fratello costruivo  casette.
Erano case fantastiche fatte con il tetto di coperte (in casa) o  fatte di assi di legno inchiodate (in giardino).
C'è anche stato il periodo in cui la nostra casa era un albero.
E poi il LEGO...era il mio gioco preferito! Ho costruito case a due piani, case con il giardino....
Insomma ho sempre avuto chiaro in mente quello che volevo fare!
Ma la realtà si è rivelata più dura del previsto e con l'università e poi con il lavoro, la magia di questa professione è svanita.
C'è stato un periodo in cui avrei preferito fare qualsiasi altra professione ma non l'architetto!
Non so quando è successo: forse vedendo la mancanza di passione di alcuni professori, o la burocrazia o la difficoltà nel far comprendere progetti e idee ai committenti o l'approssimazione con cui ,vengono fatte molte cose.
Ma l'altro giorno qualcosa è cambiato! Mi sono ritrovata, dopo tanto tempo,  a schizzare con gioia idee e spunti per un progetto e a pensare che stavo facendo un lavoro che amavo, che amo.
Non diventerò mai un F.L.Wright, come sognavo da bambina,  ma ho la fortuna di svolgere la professione dei miei sogni e se lo faccio con passione e attenzione nel mio piccolo, posso fare un buon lavoro.